VISUALIZZA sulla mappa:

Home Page » Monitoraggio Opere » Settori » Centro intermodale di Segrate: potenziamento viabilità di accesso
Stampa pagina

Centro intermodale di Segrate: potenziamento viabilità di accesso

ultimo aggiornamento: 18/12/2018
settore: Piattaforme logistiche intermodali

Descrizione Progetto

Il centro intermodale di Segrate è di fatto il principale nodo di interscambio gomma-ferro a servizio del sistema produttivo milanese. 
Attualmente, grazie alla realizzazione di una serie di interventi di mitigazione (barriere antirumore, rifacimento di una parte dello svincolo di Rubattino, allargamento della sede viaria provvisoria di accesso al terminal, spostamento dell'accesso al terminal), movimenta 350-400 mezzi/giorno. 
Con il completamento del primo lotto funzionale della viabilità di accesso, il terminal potrà movimentare 800 mezzi/giorno.

Soggetti coinvolti

  • Regione
  • Provincia di Milano
  • RFI
  • Autostrada Milano Serravalle
  • Comuni di Milano, Segrate e Pioltello

Cronoprogramma

2008
2019
2021
in grave ritardo

Dettagli prossima fase

avvio cantieri tratta Segrate-Pioltello

Copertura finanziaria

  • Disponibili 337 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Lavori in corso

Progettazione

In data 31/12/01 è stato firmato dagli attori coinvolti un Protocollo d’Intesa per il completamento e l’attivazione del Centro Intermodale di Segrate e delle opere connesse. Gli interventi riguardano: 
1) il potenziamento degli svincoli di Lambrate, completati nel 2014; 
2) il potenziamento dell’accesso al terminal intermodale di Segrate, con la variante sulla Cassanese, per cui nel 2018 sono entrati a regime i lavori di realizzazione dell’opera, avviati nel dicembre 2017, con un avanzamento alla fine dell’anno del 30%, mentre il termine è previsto nel 2020;   

3) il raddoppio della tratta da Segrate a Pioltello, per il quale il 25 febbraio 2009 Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Segrate e Gruppo Immobiliare IBP hanno sottoscritto un accordo di programma che prevede da un lato lo sviluppo immobiliare dell'area ex-dogana a Segrate e di altre aree in prossimità della Rivoltana e dell'aeroporto di Linate, dall'altro la realizzazione del secondo lotto della Cassanese, nonchè il potenziamento della Rivoltana. Il progetto è stato approvato con prescrizioni dal CIPE l’8 agosto 2013 e la delibera è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale il 15 gennaio 2014; nel maggio 2018 la Città Metropolitana di Milano ha approvato il progetto esecutivo dell’opera e nel luglio 2018 è stato sottoscritto tra Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Comune di Segrate e Westfield Milan il secondo atto integrativo all’accordo di programma per la definizione degli interventi infrastrutturali connessi alla realizzazione degli insediamenti commerciali nell’area ex Dogana di Segrate per un  costo di 134,3 milioni a carico di Westfield Milano per la realizzazione della Cassanese bis e 17 milioni a carico di Regione Lombardia e Comune di Segrate connessi alle attività di occupazione temporanea e di esproprio. Queste ultime attività saranno svolte da Città Metropolitana di Milano, mentre la realizzazione dell’opera è di competenza di Westfield Milan che assume il ruolo di stazione appaltante.  

4) il raddoppio della tratta da Pioltello a Melzo, intervento a carico del concessionario della nuova autostrada Brescia-Milano (Brebemi), i cui lavori, iniziati nel 2011, sono terminati nel 2014.

Costo dell'Opera

337.300.000

Dettaglio Costi

45 milioni è il costo degli svincoli di Lambrate. 
68 milioni è il costo della tratta di accesso al terminal intermodale di Segrate 
151,3 milioni è il costo della tratta Segrate-Pioltello 
73 milioni è il costo del potenziamento Pioltello-Melzo.

Finanziamenti disponibili

337.300.000