VISUALIZZA sulla mappa:

Home Page » Monitoraggio Opere » Settori » Interporto di Torino S.I.T.O. Spa: potenziamento
Stampa pagina

Interporto di Torino S.I.T.O. Spa: potenziamento

ultimo aggiornamento: 27/02/2015
settore: Piattaforme logistiche intermodali

Descrizione Progetto

L'interporto S.I.T.O si trova nella conurbazione più prossima alla città di Torino, in una tra le aree più popolate ed industrializzate della Regione. La struttura fornisce servizi di eccellenza per società di logistica e spedizionieri, si presta per attività di city logistics perché ben collegata sia via ferrovia che via tangenziale alla città ed è connessa alla Linea ferroviaria per Milano, Savona, Genova, Alessandria e per la Francia, attraverso lo Scalo ferroviario RFI di Orbassano. Secondo le strategie di intervento degli Enti Locali, l'interporto dovrà essere interconnesso alla Linea in progetto ad Alta Capacità ferroviaria Torino-Lione e, attraverso il collegamento di corso Marche dedicato alle merci, direttamente connessa al resto del Corridoio V. Le opportunità di sviluppo dell’interporto sono rappresentate, oltre che dal significativo potenziamento delle aree raccordate al proprio interno: dal tracciato della Linea AV-AC che renderà lo Scalo di Orbassano di tipo “passante” e dal potenziamento del raccordo con quest’ultimo (sono previsti specifici nuovi binari di presa e consegna dedicati al raccordo SITO). Interessanti si presentano alla luce delle summenzionate opere, le possibili integrazioni operative sia con l’attiguo Centro Agro Alimentare di Torino che con il nuovo termovalorizzatore. Non da ultimo è significativa la rilevante patrimonializzazione immobiliare nelle aree della piattaforma interportuale più prossime al terminale intermodale. Nel 2011 con la nomina del nuovo presidente (Daniela Ruffino) la società ha maturato un nuovo piano industriale volto appunto a sviluppare il patrimonio immobiliare e a dare, come da mission aziendale, maggiore impulso al trasporto ferroviario ed in specifico all’intermodalità. Inoltre la società si è candidata con la città di Torino al progetto europeo Smart cities, proponendo alcuni innovativi progetti in tema di IT e di piattaforme per veicoli elettrici, a corollario del progetto di city logistics “Distribuzione Pulita”.
Attraverso la Società partecipata Sito Logistica, l’interporto di Orbassano ha movimentato nel corso del 2012 oltre 3.000 carri ferroviari e circa 400 casse mobili, per oltre 80.000 t. di merci, con 5 coppie di treni settimanali in partenza dal raccordo intermodale. 
Il servizio di manovre ferroviarie e vendita slot ferroviari, si è ampliato nel corso dell’anno con nuovi servizi dihandling, attraverso la disponibilità di carrelli e di una reach steaker dedicata ai sette binari operativi del terminale. 

Un apposito gruppo di risorse specializzate e abilitate ferroviariamente è inoltre impegnato dal 2003, data di inizio del servizio, nella conduzione operativa del terminale di Autostrada Ferroviaria Alpina. Modalità combinata che dovrebbe essere uno dei più importanti asset nel nuovo progetto dello Scalo ferroviario di Orbassano.
Il capitale sociale ammonta a € 5.170.000.
I servizi generali sono:

I SERVIZI ALLE MERCI
Trattasi di un compendio che, nonostante la riduzione della domanda connessa ai servizi doganali a far data dal 1993, provvede allo sdoganamento delle merci extra-comunitarie, nonché al disbrigo di varie pratiche amministrative, fornendo un'assistenza specializzata. Altra struttura pubblica di fondamentale importanza, ai fini della sicurezza e del controllo delle attività insediate, è la caserma della Guardia di Finanza, che si avvale, per i compiti di isitituto, di una forza organica di circa 100 addetti.
Una particolarità della tipologia dei magazzini allocati è rappresentata dalle celle frigo, utilizzate per merci alimentari e farmaceutiche, che necessitano di mezzi e modi integrati, tali d'andare ad incidere in diminuzione sul prezzo finale del prodotto.

I SERVIZI AI MEZZI
Le possibilità offerte dall' Interporto di Torino non concernono solo gli aspetti "qualitativi", mediante un più razionale impiego delle strutture fisse , ma si riferiscono ad una attività di gestione che mette a disposizione tutti i servizi di stoccaggio e movimentazione merci. Con l' ottimizzazione degli scambi all' interno, usufruendo di vaste aree di parcheggio, si ottiene una più agevole reperibilità di carichi e mezzi liberi, garantendo tutti i supporti tecnici e logistici al "mezzo".

I SERVIZI ALL' UOMO
Il centro servizi fornisce le attività di supporto indispensabile agli "addetti al lavori" assicurando a tutti l'assistenza propria di una vera "città dei trasporti".
Anche la movimentazione aerea delle merci non è stata tralasciata. Infatti con la realizzazione dell' elisuperficie, è stato fattibile l'inserimento del veicolo dell'aria nel sistema "gomma-rotaia".
Già nel 2003 inoltre è stato realizzato un innovativo sistema per i mezzi pesanti che percorrono la tratta dall'Italia alla Francia attraverso il valico del Frejus. Il servizio denominato "autostrada viaggiante" consente di imbarcare camion completi su vagoni a pianale ribassato, che attraversano le Alpi in poche ore, permettendo agli autisti di riposare.

Soggetti coinvolti

Finpiemonte S.p.A. 52,743 %
Socotras S.p.A. 43,257 %
FS LOGISTICA S.p.A. 4,00 %

Cronoprogramma

2005
 
2015
in ritardo

Dettagli prossima fase

- proseguimento in linea con i programmi dei lavori di potenziamento e trasformazione dell’interporto. Completamento dei lavori di raccordo per oltre 60.000 mq complessivi. - Implementazione delle attività di movimentazione ferroviaria (convenzionale e combinato), anche alla luce dei nuovi magazzini raccordati.

Copertura finanziaria

  • Disponibili 360 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 140 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Lavori in corso

Progettazione

I lavori di potenziamento e trasformazione dell'interporto proseguono in linea con i programmi, verranno ultimati nel 2013 e prevedono una spesa totale di 500 milioni di Euro, così ripartiti: 150 per la realizzazione di opere infrastrutturali e di insediamenti pubblici e circa 350 per impianti e insediamenti privati
Gli assi portanti del piano industriale 2013-2015 che gli azionisti della SITO SpA hanno condiviso ed approvato vanno proprio in questa direzione: rafforzare il ruolo dell’interporto nell’ambito dell’intermodalità e dei servizi ferroviari e logistici (progetto di ampliamento dell’infrastruttura intermodale) e completare l’infrastruttura interportuale, con l’obiettivo di massimizzare l’insediamento degli operatori presso l’interporto.

Costo dell'Opera

500.000.000

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

360.000.000

Dettaglio Finanziamenti

Attraverso la Società partecipata Sito Logistica, l’interporto di Orbassano ha movimentato nel corso del 2013 oltre 3.000 carri ferroviari e circa 400 casse mobili, per oltre 80.000 tonnellate di merci, con 5 coppie di treni settimanali in partenza dal raccordo intermodale.
Il servizio di manovre ferroviarie e vendita slot ferroviari, si è ampliato nel corso dell’anno con nuovi servizi di handling, attraverso la disponibilità di carrelli e di una reach steaker dedicata ai sette binari operativi del terminale.
Un apposito gruppo di risorse specializzate e abilitate ferroviariamente è inoltre impegnato dal 2003, data di inizio del servizio, nella conduzione operativa del terminale di Autostrada Ferroviaria Alpina. Modalità combinata che dovrebbe essere uno dei più importanti asset nel nuovo progetto dello Scalo ferroviario di Orbassano.